Privacy Policy

 

GIOVANNA COSTAGLIOLA

 

L' inaspettato della vita

 

 

L' ennesima estate, l'ennesimo caldo, le persone che sudano e che non conoscono cosa sia il deodorante.

D' estate poi arriva l' incubo , il mostro temuto da tutti “la prova costume”. L' hanno chiamata così perché  “mettiti a dieta o col cazzo che ti metti il bikini”, pareva brutto e spaventoso.

Era una di quelle sere afose,quelle sere in cui qualunque cosa indossi, ti si attacca talmente alla pelle da sembrare una maglietta della salute.

Gioia (che poi sarei io) uscì con la sua amica Silvia. Avevano in mente un bel programmino, traffico permettendo. Si fermarono al bar come erano solite fare e Gioia sentì chiamare il suo nome. Era Riccardo, un suo compagno di scuola. Non si sarebbe mai aspettata che la salutasse, anzi che le salutasse. Presentò loro la sua fidanzata Michela, ma la cosa che la fece restare senza fiato fu un' altra.

  • Ti presento Alessandro.
  • Riccardo, lei ed io ci conosciamo già .

Nemmeno il tempo di finire la frase, che uno di quei grandi ombrelloni si ruppe e stava per andarle addosso, se non fosse stato per Alessandro.

  • Ti ho salvato la vita, sei in debito .
  • Alzati la zip dei pantaloni, Rodolfo Valentino.

Gioia dobbiamo andare – le disse Silvia.

Mentre erano in macchina, Silvia le chiese come mai conoscesse già quel tipo.

  • Viene semplicemente a rompere i coglioni dove lavoro, lui e qualche suo amico montato come lui.
  • Eppure sembravate qualcosa in più...Elettrici..
  • Si, assai. Potevi prendere la corrente.

La serata passò, più afosa che mai. A casa era da sola e non si fece nessuno scrupolo a dormire in intimo.