Privacy Policy

 

SIMONETTA BORGHI

Fuori Tempo E Fuori Posto

 

L’incubazione

 

Giovanna lo ricorda chiaramente, stava salendo i gradini che dalla veranda portano nel salotto dei suoi genitori.

Sua madre stirava e il padre doveva essere nei paraggi perché la domanda arrivò proprio da lui “….e tu quando pensi di sposarti?”

Era sicuramente la conclusione di un discorso che lei non ricordava più e rispose frettolosamente “ Entro un anno o al massimo due”, ma non dimenticherà mai l’espressione sbalordita negli occhi della madre.

L’aveva detta grossa? Forse: Giovanna era fidanzata ma andava ancora alla scuola superiore e soprattutto non ci aveva mai pensato.

Da quella lontana serata cominciò invece a pensarci anche se non ancora in maniera ossessionante come divenne in seguito.

Si diplomò ed entrò da subito a far parte del mondo del lavoro e, se non dal primo, dal secondo stipendio cominciò a risparmiare per il suo “futuro”.

Diventando anche parecchio tirchia!

Niente ambizioni in fatto di macchina nuova, vestiti e vacanze: tutto all’insegna della parsimonia diventando un’ottima formichina.

Non si limitava tuttavia a perseguire il suo fine in tranquilla e consapevole solitudine ma trasmetteva al suo fidanzato questo suo modo di agire arrivando così lentamente a sminuire ogni iniziativa che le veniva proposta.