VALERIO CORVISIERI

 

Tutto quanto fa spettacolo

 

Prologo 

- Infermiera! stentò la voce nella stanza bianca ed asettica. Il puzzo di alcool stagnava persino sotto il letto di Andrea Sensati (in arte Andy-Hands), che ora credeva di gridare “infermiera”, ma emetteva solo un flebile gemito.

L’infermiera non arrivava. Avrebbe dovuto suonare il campanello. Un’iniezione, un calmante, per pietà. Ma per suonare il campanello ci vogliono le mani, una, almeno. Era stato terribile quel dolore lancinante, un’accetta, senza dubbio una lama, avevano sentenziato gli eminenti chirurgi. E il dolore, dopo, al risveglio nella clinica disumana e lussuosa, aveva toccato vertici d’insopportabilità.

 

< precedente